Vai al contenuto principale
Alimentazione

Biscotti durante lo svezzamento: quanti e quando iniziare a darli al neonato

Biscotti durante lo svezzamento: quanti e quando iniziare a darli al neonato
plasmon
Scrittore ed esperto6 mesi fa
Visualizza il profilo di plasmon

Biscotti per l’infanzia e tradizionali: cosa contengono

Dai molteplici gusti e sapori, i biscotti sono alimenti solitamente a base di farina, olio vegetale o burro, zucchero, uova e/o latte. Sul mercato esistono molte tipologie di biscotti, in particolare possiamo distinguere il biscotto pensato per l’infanzia rispetto a quello tradizionale, frollino o secco. Il primo è un prodotto baby food, che rispetta elevati standard nutrizionali e di sicurezza alimentare ed è pensato per le esigenze nutrizionali dei più piccoli.

Esistono delle differenze di carattere nutrizionale tra un biscotto per l’infanzia ed un frollino tradizionale. Un biscotto frollino può avere un peso quasi doppio rispetto al biscotto per l’infanzia e inoltre non è fortificato. La fortificazione del biscotto per l’infanzia con calcio, ferro e vitamine del gruppo B contribuisce ad un’adeguata assunzione di micronutrienti nella dieta del bambino.

Il biscotto per l’infanzia nasce proprio con l’obiettivo di essere tenuto in mano autonomamente dal bambino, inoltre è pensato per avere una buona solubilità, che lo rende sicuro da consumare sia da solo che nel latte.

Biscotti nello svezzamento: quando si possono dare ai neonati

Nei primi mesi dello svezzamento, quando il bambino lo richiede, è sempre possibile fornire l’allattamento a richiesta, e infatti si consiglia di mantenere al mattino a colazione e durante gli spuntini di metà mattina e/o metà pomeriggio la poppata di latte. Questo perché per definizione durante lo svezzamento, o alimentazione complementare, l’introduzione di cibi solidi serve a completare l’alimentazione a base di latte che il bambino assume [1].

Durante il primo anno di vita, così come durante tutta l’età pediatrica, il fabbisogno energetico del bambino aumenta progressivamente. Per tale ragione può essere utile abbinare alla poppata del latte del mattino il consumo di uno o due biscotti per arricchire la colazione [2].

Nei primi mesi dello svezzamento a merenda è sempre possibile fornire l’allattamento a richiesta, con il passare dei mesi si consiglia di introdurre a merenda una porzione di frutta fresca (40-50 g) o mezzo vasetto di omogeneizzato di frutta (50 g). Occasionalmente per alternare gli spuntini e le merende pomeridiane è possibile anche proporre lo yogurt o il biscotto per l’infanzia.

Quanti biscotti si possono dare?

Lo svezzamento è una fase delicata di scoperta degli alimenti. Non esistono delle indicazioni specifiche sul numero di biscotti da proporre in questa fascia di età, che dunque possono essere consumati ed introdotti gradualmente purché si presti molta attenzione alla quantità proposta. I biscotti infatti contengono zucchero, alimento che andrebbe limitato al meno possibile nei primi anni di vita. In particolare, i biscotti non devono diventare un sostituto della frutta nello svezzamento e nei primi anni di vita. Essa deve rimanere lo spuntino da proporre quotidianamente a merenda. I biscotti possono essere introdotti solo occasionalmente come spuntino alternativo.

Si raccomanda di acquistare biscotti che siano adeguati per i più piccoli evitando quelli troppo elaborati e ricchi di zucchero e grassi (ad esempio con cioccolato, creme e glasse), imparando a leggere attentamente le etichette dei prodotti che vengono offerti ai più piccoli.

Per il biscotto per l’infanzia le quantità da noi consigliate sono le seguenti in base alla fascia di età: 1 biscotto a 6 mesi, 1-2 biscotti a 7-8 mesi, 2-3 nella fascia 9-10 mesi e da 2 ai 4 biscotti a 12 mesi di età.

Come preparare il biscotto nel latte

Il biscotto per l’infanzia può essere proposto anche in forma solubile sciolto nel latte del biberon. Questa modalità pratica è favorita dalla speciale formulazione dei biscotti per l’infanzia che possiedono una elevata solubilità pensata per lo svezzamento. La preparazione del biscotto nel latte è pratica e veloce, basterà aggiungere i biscottini o il granulato di biscotto nel biberon con il latte tiepido e successivamente agitare il biberon per permettere ai biscottini di sciogliersi rapidamente.

Biscotti nello svezzamento meglio a colazione o a merenda?

Bisogna sempre ricordare che durante lo svezzamento non esistono regole ferree e uguali per tutti. Ogni bambino segue infatti una propria alimentazione in funzione di numerosi fattori come il tipo di allattamento, le indicazioni rilasciate dal pediatra, le abitudini della famiglia e le necessità nutrizionali individuali. Il biscotto a colazione rappresenta un “accompagnamento” a quello che è l’alimento fondamentale della colazione, ovvero la poppata di latte; diversamente a merenda, il biscotto può essere proposto solo come occasionale sostituto della frutta, che rimane l’alimento da preferire sempre. In caso di dubbi o incertezze su come impostare correttamente un modello alimentare bilanciato è sempre utile rivolgersi al proprio pediatra curante.

 

plasmon
Scrittore ed esperto
Visualizza il profilo di plasmon
plasmon