Vai al contenuto principale
Consigli

Yogurt neonati per lo svezzamento: quando introdurlo

Yogurt neonati per lo svezzamento: quando introdurlo
plasmon
Scrittore ed esperto7 mesi fa
Visualizza il profilo di plasmon

Yogurt per neonati: quale e perché è importante introdurlo nello svezzamento

Perché è importante lo yogurt nello svezzamento

Il divezzamento segna il passaggio durante il secondo semestre di vita da un’alimentazione esclusivamente a base di latte ad una mista con cibi solidi. È in questa fase che si verifica la graduale introduzione di tutti gli alimenti nella dieta del bambino.

Lo yogurt è un alimento a base di latte fermentato. La fermentazione dello yogurt viene garantita da due batteri, lo Streptococcus thermophilus e il Lactobacillus delbrueckii spp. Bulgaricus. Quest’ultimi, anche noti come fermenti lattici dello yogurt, trasformano il lattosio, nonché lo zucchero del latte, in acido lattico e donano allo yogurt tutte le sue proprietà organolettiche.

Come molti dei derivati del latte, lo yogurt è fonte di proteine con un buon profilo aminoacidico. La frazione di lipidi contenuta nello yogurt varia invece in funzione della tipologia di latte utilizzato per la sua produzione: 1% di grassi circa nello yogurt da latte scremato, 4% circa in quello da latte intero. Inoltre, lo yogurt è fonte di vitamine e minerali, primo fra tutti il calcio, nutriente indispensabile per la corretta mineralizzazione ossea (1,2) e di fondamentale importanza durante lo svezzamento.

Quando introdurre lo yogurt nello svezzamento

L’introduzione dello yogurt può avvenire in qualsiasi momento durante l’alimentazione complementare (comunemente nota anche come svezzamento). Può essere ottimale iniziare a proporre lo yogurt durante la merenda pomeridiana, al posto della porzione di frutta. Attenzione però, lo yogurt non è un sostituto della frutta all’interno della giornata alimentare in quanto contribuisce ad aumentare le proteine del pasto. Per tale ragione si promuove il consumo dello yogurt come una delle possibili merende per il bambino. Lo yogurt a merenda è ottimale non solo durante le fasi del divezzamento ma anche dopo l’anno di vita, periodo in cui si raccomanda al bambino di consumare due merende, una a metà mattina e una a metà pomeriggio.

Quale yogurt è più adatto allo svezzamento

La grande vastità di prodotti yogurt nel banco frigo potrebbe rendere difficile la scelta dello yogurt migliore per il divezzamento. Diventa dunque importante imparare a leggere gli ingredienti riportati sulle etichette. Diversamente rispetto allo yogurt bianco naturale che, come ingredienti, ha solo latte e fermenti lattici, lo yogurt aromatizzato contiene molteplici ingredienti, tra cui vi è anche lo zucchero. In generale, quando si acquista uno yogurt ideale per il divezzamento, sarebbe meglio orientare le proprie preferenze sullo yogurt bianco naturale, cioè senza zuccheri aggiunti.

Tra le diverse tipologie di yogurt (intero, magro e parzialmente scremato), quello prodotto da latte intero è da preferire durante i primi anni di vita. Lo yogurt magro, ovvero lo yogurt prodotto da latte scremato o parzialmente scremato, è un alimento che presenta percentualmente un maggiore apporto proteico e un minore tenore di grassi. Tali caratteristiche nutrizionali non sono da preferire nei primi anni di vita, periodo in cui l’alimentazione deve essere maggiormente ricca di grassi e controllata nell’apporto proteico. Da qui, dunque, nasce l’indicazione ad offrire yogurt intero nei primi anni di vita.

Il divezzamento rappresenta una delicata fase di introduzione dei cibi solidi, in quest’ottica gli alimenti per l’infanzia sono alimenti di transizione che possono essere utilizzati per intraprendere sane abitudini alimentari e limitare l’esposizione ad intake di nutrienti inadeguati. Gli yogurt per neonati possono essere quindi impiegati per andare incontro alle particolari esigenze nutrizionali e fisiologiche dei bambini in questa fascia di età.

Quanto yogurt dare nel primo anno di vita?

L’introduzione dello yogurt può avvenire in qualsiasi momento durante l’alimentazione complementare. Dopo averne verificato il gradimento con dei primi cucchiaini di assaggio, durante i 6-12 mesi è possibile proporre mezzo vasetto di yogurt bianco intero o di yogurt per l’infanzia come spuntino o merenda di metà mattina o metà pomeriggio in alternativa alla porzione di frutta. Dai 12 mesi, la porzione ottimale diventa invece pari a mezzo vasetto di yogurt bianco intero abbinato a 40g di frutta con una frequenza giornaliera (3,4). In alternativa è possibile proporre anche unvasetto di yogurt per l’infanzia.

 

FONTI:

1. Linee guida CREA per una sana alimentazione. Revisione 2018. 2. SmartFood IEO, sito web: https://smartfood.ieo.it/alimenti/alimenti/?cat=8

3. Position paper SIPPS - FIMP - SIMA – SIMP. Diete vegetariane in gravidanza ed in età evolutiva 2017

4. Frassinetti A.; Gussoni M. T.; ATS Milano Città Metropolitana Consensus Primi 1000 Giorni Di Vita. Alimentazione Complementare Da 6 a 24 Mesi. Aspetti Applicativi 2016

plasmon
Scrittore ed esperto
Visualizza il profilo di plasmon
plasmon