Vai al contenuto principale
Alimentazione

Ricette primi piatti sane e che piacciono ai bambini

Ricette primi piatti sane e che piacciono ai bambini
plasmon
Scrittore ed esperto3 mesi fa
Visualizza il profilo di plasmon

Il primo piatto nello svezzamento

Con l’inizio dell’alimentazione complementare il bambino fa esperienza degli alimenti ed è bene avviare la progressiva introduzione di alimenti solidi nella dieta del bambino. Quando si parla di primo piatto si fa riferimento al consumo di una porzione di cereali. Solitamente ad inizio svezzamento il primo piatto proposto è a base di creme di cereali o semolini, successivamente con il passare delle settimane si introducono progressivamente le micro-pastine, il riso o formati di pasta più grandi. In questo periodo, il bambino inizia a consumare dei veri primi piatti come pastine o risottini.

Per poter assecondare i fabbisogni di crescita, durante lo svezzamento e nelle epoche successive, è raccomandato proporre a tutti i pasti principali una porzione di cereali. Nella fascia di età 6-12 mesi la porzione di riferimento per le creme di cereali o pastine è pari a 20-25 g circa a pasto. La quantità aumenta fino a 25-30 g a pasto nella fascia di età 12-24 mesi (1-3). È importante sottolineare che una dieta ricca e varia deve promuovere il consumo di diverse fonti di cereali, per tale ragione è importante alternare pastine, riso, orzo, farro e altri, sia durante lo svezzamento che nei primi anni di vita.

Tipologie di primi piatti

I primi piatti possono essere proposti in due diverse varianti a seconda della tipologia di pasto consumato dalla famiglia:

- Il pasto a portate, che prevede il consumo di un primo piatto, ad esempio, a base di crema di cereali, semolino, pastasciuttina o risotto, e in seguito un secondo piatto con contorno. Quando si sceglie di proporre più portate è importante offrire un primo piatto leggero, a base di pasta, riso, couscous, semolino o altri cereali che siano conditi con sughi leggeri, ad esempio a base di pomodoro, oppure conditi con verdure. In alternativa è possibile offrire un primo piatto in brodo, come ad esempio semolino, minestrina o minestrone di verdure con pasta.

- Il piatto unico è un modo semplice per cucinare il primo piatto e il secondo piatto insieme, e prevede generalmente un primo piatto di pasta o cereali condito con una fonte proteica, verdure e olio. Il consumo del piatto unico NON prevede di essere seguito da un secondo piatto. Questa opzione di pasto è solitamente più pratica e veloce da preparare. In questo caso la crema di cereali, il semolino, la pasta, il riso, ecc. hanno un condimento più nutriente che include, ad esempio, una porzione di pesce, carne, uova, legumi oppure formaggio. Se si sceglie di proporre un piatto unico è molto importante che le fonti proteiche precedentemente descritte vengano alternate tra i pasti, seguendo uno schema vario e bilanciato. Alcuni esempi di primo piatto unico sono: - insalata di farro con pomodorini, cetrioli e merluzzo;- pasta al ragù;- pasta con pomodorini e mozzarella;- farro con pollo e peperoni;- risotto con piselli e zucchine;- orzo con ceci e carote.

Sfatiamo i miti! Pensare che un primo piatto non possa essere proposto sia a pranzo che a cena è una falsa credenza! Soprattutto per i bambini e gli adolescenti, si raccomanda di seguire il modello bilanciato “Il Piatto del mangiare sano” rilasciato dalla Harvard Medical School (4). Il Piatto Sano raffigura la composizione ideale che dovrebbe avere ogni pasto principale della giornata, e in questo modello circa ¼ del piatto è costituito dalla “porzione di cereali”. Questo significa che è possibile proporre tanto a pranzo quanto a cena una porzione adeguata di pasta, riso, farro, orzo e simili, e se non si vuole offrire un primo piatto questa porzione può essere garantita dal consumo di pane o patate. L’importante è non esagerare, né con la quantità di primo piatto, né con condimenti grassi e che appesantiscono, così come scegliere alternative più leggere e nelle giuste porzioni per età.

Primi piatti in età prescolare

Una dieta ricca e varia che promuova il consumo di diverse fonti di cereali, attraverso creme, pastine e cereali in chicco, è da preferire fin dai primi mesi dello svezzamento e durante i primi anni di vita. Dopo i 2 anni di età è consigliata l’introduzione nell’alimentazione di fonti di cereali integrali, come ad esempio pasta integrale, riso integrale o cereali in chicco già naturalmente integrali (farro, orzo, grano saraceno, riso nero…) e di limitare il consumo dei cereali raffinati, come riso bianco o pane bianco (4). Il consumo di alimenti integrali contribuisce ad aumentare l’apporto di fibra giornaliera, un importante componente della dieta che risulta indispensabile per il mantenimento di un buono stato di salute.

A partire dall’asilo nido e durante la scuola dell’infanzia, il pasto del pranzo viene consumato alla mensa scolastica durante i giorni. Solitamente lo schema base per il pranzo prevede un primo piatto, un secondo con relativo contorno di verdura, pane e frutta o dessert. È facile, dunque, che in questa occasione venga proposto un pranzo a portate con un primo piatto. Le porzioni proposte alla mensa sono sufficienti a garantire la copertura dei bisogni nutrizionali nella maggior parte della popolazione pediatrica (5). In situazioni standard, non è quindi giustificata l’eventuale richiesta di un “bis” di primo piatto, in quanto il menù risulta già bilanciato per età.

Fin da piccoli, è utile incoraggiare i bambini a consumare il pasto della mensa scolastica, in primo luogo in quanto pasto appropriato per età e nutrizionalmente bilanciato, in secondo luogo per la valenza educativa di tale pasto (3). È bene evitare di denigrare la mensa scolastica ed evitare eccessive critiche alla cucina fuori casa, poiché potrebbe influenzare il gradimento stesso del bambino per il pasto della mensa e dare adito a comportamenti di selettività di scelta alimentare (3). Incoraggiamo i bambini a mangiare il pasto della mensa scolastica, poiché è bene che il bambino superi la limitazione di gradire solo quello che gli viene preparato a casa.

7 ricette di primi piatti sani e gustosi

Consulta tutte le ricette per lo svezzamento e i primi anni di vita che abbiamo realizzato, e scopri subito alcune delle nostre proposte: - Risottino arancione – 6 mesi - Chioccioline piselli e spinaci – 6 mesi - Bebiriso agnello e verdurine – 6 mesi - Pastina cavolfiore e formaggino – 6 mesi - Forellini legumi verdi e broccoletti – 8 mesi - Chioccioline fagioli e carote – 8 mesi - Gemmine lenticchie, carote e zucca – 8 mesi - Pasta puntine orata e verdurine – 8 mesi - Pennette pollo carote e zucchine – 10 mesi - Pasta e fagioli – 10 mesi - Pasta e sughetto – 10 mesi - Stelline filanti pomodoro e parmigiano – 10 mesi - Maccheroncini ceci e carote – 10 mesi - Pasta fattoria pomodorini e nasello – 10 mesi - Pasta al pesto e formaggino – 12 mesi - Pennette cavallo e radicchio – 12 mesi - Pennette lenticchie e coste – 12 mesi - Pasta e patate – 24 mesi

plasmon
Scrittore ed esperto
Visualizza il profilo di plasmon
plasmon